croazia

Otok Cres: il villaggio di Lubenice

21 km a sud di Cres si trova il piccolo borgo di Lubenice, arroccato su un promontorio roccioso a strapiombo sul mare a 378 metri di altezza.

Per raggiungere il villaggio si segue la strada per Valun e poi si devia a sinistra in una strada decisamente stretta per essere a doppio senso.
Per i seguenti 6 km bisogna prestare attenzione in quanto due vetture provenienti da direzioni opposte non passano, potreste anche incontrare furgoni o piccoli camion, e la strada è chiusa tra muretti di pietra che non offrono molte possibilità di accostare se non in precisi punti.

Circa a metà strada di questa strada si incontra il villaggio di Mali Podol, un pugno di case famose per una signora e il suo gelato ai fichi.
Noi non ci siamo fermati in quanto non amiamo i fichi, ma la mia omonima Chiara ha scritto un post su di lei, lo potete andare a leggere sul suo blog a questo link.

All’ingresso di Lubenice è presente un parcheggio che a seconda degli anni può essere a pagamento o gratuito. Noi siamo stati fortunati e lo abbiamo trovato libero (come quello di Valun).

Il piccolo borgo fortificato fu fondato dai Romani come punto per sorvegliare il tratto di mare compreso tra Losinj e la terraferma.

Il nome Lubenice potrebbe derivare dal latino hibernicius che significa “esposto al vento” per la posizione geografica del villaggio e la frequenza con cui viene colpita dal vento.

I due vicoli senza nome che passano attraverso le case si ricongiungono al cimitero dove è ancora visibile l’antica porta di accesso al paese e alcuni tratti di mura hanno resistito fino ad oggi.

In estate Lubenice viene letteralmente invasa dai turisti ma nella quotidianità ha solo una decina di abitanti.
In paese non sono presenti negozi di alimentari, due volte alla settimana arriva un furgone che vende articoli di prima necessità per gli abitanti. Esiste un bar ricavato sotto il campanile, una konoba che anche ad agosto ha la polenta nel menu e un piccolo negozio di souvenir.

18 agosto – cena con polenta e spezzatino di cinghiale

Questo luogo è famoso soprattutto per la spiaggia di Sv. Ivan che si trova proprio ai piedi del villaggio.
Per raggiungerla bisogna percorrere un ripido sentiero lungo circa 2km oppure, molto più comodamente, ci si arriva via mare come abbiamo fatto noi.

Lo stesso sentiero porta anche alla Grotta Azzurra (Plava Grota), una grotta marina situata ai margini della spiaggia.
E’ raggiungibile solo a nuoto e ha due ingressi: uno più stretto posto sott’acqua ad alcuni metri di profondità e un altro a livello del mare.
I pochi raggi di sole che raggiungono l’interno non riescono a scaldare l’acqua che quindi risulta sempre più fredda rispetto all’esterno.

Vi aspettiamo anche sul nostro canale youtube con un video dedicato a Lubenice.

Se volete restare aggiornati sulle nostre nuove avventure seguiteci su Instagram e Facebook e iscrivetevi alla newsletter per essere informati sull’uscita di nuovi post.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *